Rendita o indennizzo INAIL? La guida completa per ottenerlo

Come funzionano la rendita e l’indennizzo INAIL? Qual è l’iter amministrativo per ottenere la rendita o l’indennizzo? In questa guida scopriamo tutto sull’indennizzo INAIL alle vittime dell’amianto, come richiederlo e come ottenere assistenza legale gratuita e quali sono i diritti dei familiari delle vittime decedute.

Assistenza medica e tutela legale ONA

Chiama il numero verde, contattaci su Whatsapp o compila il form per ricevere assistenza gratuita. rendita INAIL rendita INAIL whatsapp

    Indennizzo e rendita INAIL: cosa sono?

    L’indennizzo o rendita INAIL consistono in una prestazione economica a favore di chi ha contratto una malattia professionale allo scopo di indennizzare il danno biologico subito per cause lavorative. Ha dunque una funzione indennitaria. Ciò significa che l’indennizzo erogato dall’INAIL non può superare in nessun caso l’importo del danno sofferto dall’assicurato.

    L’INAIL, Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, è un ente pubblico non economico che si occupa di erogare prestazioni ai lavoratori che subiscono infortuni sul lavoro o malattie professionali. Eroga prestazioni economiche, sanitarie, socio-sanitarie e integrative ai lavoratori infortunati o affetti da malattia professionale (tecnopatici).

    Le prestazioni economiche Inail, tranne l’indennità temporanea e l’integrazione della rendita diretta, non sono soggette a tassazione, non sono pignorabili né cedibili.

    Cos’è una malattia professionale?

    Per capire che cosa sono l’indennizzo e la rendita INAIL, dobbiamo prima capire che cosa si intende per malattia professionale.

    Mentre l’infortunio è un’alterazione da causa violenta, cui seguono malattia o morte. La malattia professionale, invece, ha una causa lenta e non violenta.

    Le malattie professionali si distinguono in tabellate e non tabellate. Quelle tabellate compaiono in una delle due tabelle stilate dall’INAIL (una per l’industria e una per l’agricoltura) o sono provocate dalle lavorazioni o dagli agenti chimici-fisici indicati nelle stesse tabelle. Esse devono essere denunciate entro un determinato periodo dalla cessazione dell’attività rischiosa, fissato nelle tabelle stesse (“periodo massimo di indennizzabilità”). Nel caso di patologie correlate all’esposizione ad amianto non esiste un periodo massimo di indennizzabilità. Per approfondimenti sulle patologie correlate all’amianto si possono consultare le monografie dello IARC sull’asbesto in cui è chiara la correlazione tra esposizione all’amianto, negli ambienti di lavoro e nelle immediate vicinanze dei luoghi in cui si maneggia amianto, e il cancro alla laringe, ovaie, polmoni, asbestosi e mesoteliomi.

    Il libro bianco delle morti di amianto in Italia dell’Avv. Ezio Bonanni, Presidente dell’ONA, denuncia la strage provocata dalle fibre di amianto in Italia. Per ulteriori approfondimenti: lo “Stato dell’arte e prospettive in materiali di contrasto alle patologie asbesto-correlate”, n. 15, maggio-giugno 2012 – Quaderni del Ministero della Salute.

    Quali sono le malattie professionali causate dall’amianto?

    Quali sono le patologie amianto correlate? L’asbestosi è stata la prima malattia asbesto correlata ad essere inserita nelle tabelle delle malattie professionali, già con la L. 455 del 1943. Soltanto con il D.P.R. 336 del 1994, sono state inserite nella Lista I dell’INAIL anche il mesotelioma (pleurico, pericardico e peritoneale) e il carcinoma polmonare (con D.M. 27 Aprile 2004, G.U. n.134 del 10 Giugno 2004). Queste malattie sono considerate dall’INAIL causate con elevata probabilità da esposizione ad amianto di natura professionale.

    Le monografie dello IARC sono fondamentali in quanto il dato epidemiologico si accompagna alla letteratura scientifica di riferimento. Qui trovate i Quaderni del Ministero della Salute “Stato dell’arte e prospettive in materiali di contrasto alle patologie asbesto-correlate”, n. 15, maggio-giugno 2012 e qui i risultati della commissione d’inchiesta sui rischi di amianto e altri cancerogeni.

    Nella lista II, l’INAIL ha incluso invece le patologie che possono avere una limitata eziologia professionale e nella lista III quelle che hanno una probabile origine lavorativa.

    Per approfondimenti>> Libro bianco delle morti di amianto in Italia

    Lista I dell’INAIL

    L’elenco complessivo delle malattie asbesto correlate al momento inserite nella Lista I include:

    Queste patologie sono assistite dalla presunzione legale di origine. Significa che il lavoratore non ha l’onere di dimostrare l’origine professionale della malattia. Basta dimostrare di essere stato adibito a lavorazione tabellata o di essere stato esposto ad un rischio ambientale, come la presenza di amianto sul posto di lavoro.

    Non è necessario dimostrare una soglia di esposizione (Cass., Sez. Lav., n. 23653/16). L’esistenza della malattia stessa attiva il diritto all’indennizzo INAIL, perchè si presume per legge che quella malattia sia di origine professionale. L’INAIL può superare questa presunzione legale di origine solo con una prova della causa esclusivamente extraprofessionale.

    Lista II e III dell’INAIL

    Nella lista II l’INAIL ha inserito le seguenti patologie asbesto-correlate:

    Nella lista III compare solo il tumore all’esofago.

    I lavoratori che hanno contratto una di queste malattie devono dimostrare il nesso causale, ovvero fornire la prova dell’esposizione ad asbesto sul posto di lavoro.

    Il sistema misto che va oltre le tabelle

    La sentenza 179/1988 della Corte Costituzionale ha introdotto in Italia il cosiddetto “sistema misto”. Secondo questo sistema, accanto alla presunzione legale d’origine del sistema tabellare vi è la possibilità per l’assicurato di dimostrare che la malattia contratta, pur non essendo presente nelle tabelle, è comunque di origine professionale. Questo sistema dunque va oltre il sistema delle tabelle, pur mantenendole ancora in vigore.

    Rendita o indennizzo INAIL?

    Sulla base delle tabelle delle malattie professionali e delle tabelle risarcimento INAIL, si calcola l’entità delle prestazioni dovute a titolo di indennizzo del danno biologico subito.

    Queste prestazioni sono erogate sulla base dell’art. 38 Cost., che garantisce a tutti i cittadini di mantenere il reddito in caso di malattia professionale. In caso di inabilità temporanea o di invalidità non permanente, è infatti possibile mantenere il livello di reddito e non è necessario un indennizzo. L’indennizzo non consiste dunque in un integrale ristoro del pregiudizio subito. In quel caso si parla di risarcimento ed esso affianca al danno biologico anche i danni non patrimoniali, ovvero esistenziali, morali e psifosici. Per approfondire: risarcimento dei danni.

    Il danno biologico INAIL è indennizzabile nel caso in cui i lavoratori abbiano subito lesioni superiori al 6%, e poi via via a salire. Nel caso di invalidità superiore al 16% si ha diritto alla rendita mensile. Riassumendo:

    • invalidità fino al 6%: si ha diritto ad una franchigia;
    • infermità dal 6% al 15%: indennizzo in capitale del danno biologico una tantum (calcolato in base a sesso, età e percentuale del danno) e nessun indennizzo per conseguenze patrimoniali;
    • invalidità a partire dal 16%: indennizzo erogato sotto forma di rendita mensile (erogato con decorrenza dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda amministrativa) e un indennizzo con un ulteriore quota per conseguenze patrimoniali.

    Eventi lesivi precedenti

    Nel caso in cui l’assicurato, già colpito da uno o più eventi lesivi rientranti nella disciplina del danno biologico, subisca un nuovo evento lesivo si procede alla valutazione complessiva dei postumi e alla liquidazione di un’unica rendita o di un indennizzo in capitale corrispondente al grado complessivo delle menomazioni, secondo i criteri di applicazione della tabella di indennizzo. L’importo della nuova rendita o del nuovo indennizzo in capitale è decurtato dell’importo dell’eventuale indennizzo in capitale già corrisposto e non recuperato.

    Nel caso in cui l’assicurato sia affetto da menomazioni preesistenti al nuovo evento lesivo derivanti da fatti estranei al lavoro, esse assumono rilevanza solo se concorrenti ed aggravanti la menomazione di origine lavorativa.

    Come ottenere l’indennizzo o rendita INAIL?

    Per ottenere l’indennizzo o la rendita mensile INAIL è necessario ottenere prima di tutto il riconoscimento di malattia professionale da parte dell’ente assicuratore. A tal fine bisogna inviare al datore di lavoro la denuncia di malattia professionale corredata dal certificato medico.

    L’inoltro deve essere formulato con una comunicazione PEC, o in alternativa con una raccomandata con ricevuta di ritorno.

    Il termine è quello dei 15 giorni dai quali si è manifestata la malattia. Il datore di lavoro, non appena riceve la denuncia, ha 5 giorni di tempo per presentare la denuncia di malattia professionale.

    In caso di mesotelioma, a causa della lunga latenza di questa neoplasia, è raro che il lavoratore sia ancora in attività. Ancora più raro che sia sempre lo stesso datore di lavoro responsabile dell’esposizione.

    Con l’invio telematico la pratica è trasmessa direttamente alla sede INAIL competente (in base al domicilio dell’assicurato).

    In caso di inadempimento, il datore di lavoro è punibile con una sanzione amministrativa pecuniaria.

    Il lavoratore viene sottoposto a visita medico legale e viene comunicato il giudizio dell’INAIL. La vittima può presentare il ricorso ex art. 104 del d.p.r. 1124/1965, nel termine di 60 giorni dalla ricezione. Quindi, l’INAIL deve fissare la visita collegiale. Il termine per portare a termine il procedimento è di 150 giorni che diventano 210 in caso di revisione attiva della rendita.

    Nel caso in cui l’INAIL rigetti il ricorso, oppure, nel caso in cui non decida entro i 60 giorni dalla domanda amministrativa, si può proporre il ricorso giudiziario.

    Revisione del danno permanente

    Il processo di revisione della pensione può essere attivato dall’INAIL (revisione attiva INAIL) oppure dall’assicurato (revisione passiva).

    In caso di domanda di revisione della rendita INAIL, si attiva una nuova valutazione medico legale, così da raggiungere un più elevato grado invalidante che incide sull’entità della rendita.

    Nel caso in cui venga attivato dall’INAIL, l’assicurato dovrà sottoporsi agli accertamenti e, in caso di inadempimento, può essere sospesa l’erogazione della rendita. Se è il lavoratore a richiedere la rivalutazione della rendita INAIL deve presentare domanda di aggravamento.

    Procedura per la revisione del danno permanente

    La domanda di revisione non ha limite temporale e si attiva in due fasi:

    • verifica medico-legale delle condizioni dell’assicurato, che si conclude con un giudizio relativo al suo stato obiettivo di lesione biologica;
    • provvedimento amministrativo, che conferma o adegua, in aumento o in diminuzione, l’importo della rendita.

    La richiesta di aggravamento deve essere corredata dalla certificazione medica con un motivato giudizio a favore  dell’aggravamento della malattia professionale e una nuova aggiornata valutazione del danno.

    Il termine per presentare la domanda di aggravamento è di 6 mesi dalla cessazione del periodo di inabilità temporanea assoluta. Se in pendenza del rapporto di lavoro. Invece, se il rapporto di lavoro si è già risolto, allora il termine è di 1 anno dalla manifestazione della malattia se non vi è stata assenza dal rapporto di lavoro.

    Ove la revisione non desse il risultato sperato, può essere proposto il ricorso amministrativo all’INAIL. Il tutto, sempre ai sensi dell’art. 104 del d.p.r. 1124/1965.

    Ricorso giudiziario per indennizzo INAIL

    Nel caso in cui l’INAIL non dovesse riconoscere l’origine professionale della malattia, è indispensabile ricorrere al Giudice. L’azione deve essere proposta entro i 3 anni dalla definizione del procedimento amministrativo.

    Il termine triennale decorre dall’ultimo provvedimento INAIL. Il ricorso deve essere depositato al Giudice del lavoro competente per la sede che ha emesso il provvedimento in relazione alla residenza del lavoratore.

    In caso di malattia presente nella lista I dell’INAIL, l’onere della prova è a carico dell’INAIL che deve dimostrare la esclusiva origine extraprofessionale del danno biologico.

    Altre prestazioni INAIL

    In caso di malattia di riconosciuta origine professionale, l’INAIL deve corrispondere una serie di prestazioni economiche, sanitarie e integrative al lavoratore assicurato. Le prestazioni INAIL non sono soggette a tassazione Irpef e non sono cumulabili con l’indennità di accompagnamento. Nel corso dei ricoveri, la prestazioni aggiuntive dell’INAIL si sospendono.

    Indennità giornaliera per inabilità temporanea assoluta

    Innanzitutto, l’INAIL è tenuta ad erogare l’indennità giornaliera per inabilità temporanea assoluta.

    Questa prestazione è dovuta in tutti i casi, anche quando il grado invalidante è inferiore al 6%, con decorrenza dal giorno successivo alla manifestazione della malattia. L’indennità giornaliera sostituisce la retribuzione per il 60%, fino al 90° giorno. Oltre questo termine giunge al 75%.

    Questa indennità giornaliera va richiesta secondo le modalità da INAIL: il lavoratore informa il datore di lavoro dell’infortunio immediatamente e della malattia professionale entro 15 giorni dalla sua manifestazione e presenta il primo certificato medico.

    Il datore di lavoro inoltra quindi la relativa denuncia alla Sede competente entro due giorni dalla data di ricezione dei riferimenti del certificato medico per l’infortunio ed entro 5 giorni per quello di malattia professionale.

    Il lavoratore può farsi assistere da un Patronato o dagli avvocati dell’Osservatorio Nazionale Amianto che forniscono assistenza legale gratuita.

    Speciale assegno continuativo mensile

    Lo speciale assegno continuativo è una prestazione INAIL in favore del coniuge e dei figli dei lavoratori già titolari di rendita diretta se deceduti, a condizione che il grado invalidante fosse non inferiore al 48% o al 65% fino al 31.12.2006.

    Gli aventi diritto, vittima, coniuge e/o figli del lavoratore deceduto a causa di malattia asbesto correlato, riconosciuta dall’INAIL come malattia professionale e quindi già indennizzata con rendita diretta, possono presentare domanda alla sede INAIL competente. La richiesta va inviata tassativamente entro i 180 giorni dal ricevimento della comunicazione INAIL, con la quale si riceve l’avvertimento dall’Istituto (INAIL) della possibilità di proporre domanda per la concessione dello speciale assegno continuativo mensile.

    Calcolo dello speciale assegno continuativo mensile

    La quota parte, per il coniuge è pari al 50%, fino alla morte o ad un nuovo matrimonio; per ciascun figlio, è pari al 20%, fino al 18° anno, senza requisiti, oppure fino al 21° anno di età, se studenti di scuola media superiore o professionale, viventi a carico e senza un lavoro retribuito, per tutta la durata normale del corso di studio non oltre il 26° anno di età, se studenti universitari, viventi a carico e senza un lavoro retribuito, per tutta la durata normale del corso di laurea.

    In caso di decesso di entrambi i genitori, la quota parte spettante è pari al 40% per ciascun figlio orfano, e del 50% per ciascun figlio inabile, finché dura l’inabilità.

    La somma globale degli assegni è nel limite della rendita diretta. In caso contrario, ci sarà un adeguamento degli assegni, ridotti proporzionalmente a condizione che non si superi il 100% di quanto percepito in vita dal defunto.

    Requisiti per l’erogazione ai superstiti

    L’unica condizione per l’erogazione dello speciale assegno continuativo mensile è che i potenziali aventi diritto (coniuge e orfani), non percepiscano rendite, prestazioni economiche previdenziali (pensioni) o altri redditi (escluso il reddito della casa di abitazione), di importo pari o superiore a quello dell’assegno speciale. Qui trovate tutte le info sulla rendita di reversibilità ai superstiti.

    Erogazione INAIL integrativa di fine anno

    L’erogazione integrativa di fine anno è una prestazione economica che è corrisposta ai grandi invalidi (grado tra l’80 e il 100%, secondo le tabelle allegate al T.U. INAIL, e con il grado di menomazione tra il 60 e il 100%, se valutato con le tabelle – rendita Inail tabelle – di cui al DM 12 luglio 2000, dal 01.01.2007), con l’unica condizione che il reddito personale non superi i limiti stabiliti dall’INAIL anno per anno.

    L’entità di questi importi erogati dall’INAIL variano a seconda che l’invalido sia o meno titolare dell’assegno per assistenza personale continuativa ed è fissato annualmente, generalmente nel mese di novembre, in rapporto alle variazioni dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati registrate dall’Istat.

    Indipendentemente dai limiti di reddito, il grande invalido ha diritto a una somma per ciascun figlio, di età non superiore ai 12 anni, fissata annualmente, generalmente nel mese di novembre, in rapporto alle variazioni dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati registrate dall’Istat. Per l’anno 2015 l’importo è stato pari a euro 62,90.

    L’erogazione integrativa di fine anno non è soggetta a tassazione Irpef.

    Procedura amministrativa per chiedere l’erogazione integrativa di fine anno

    Il malato di patologia asbesto correlata deve presentare e/o inoltrare la domanda amministrativa alla sede INAIL competente in base al suo domicilio, con la dichiarazione allegata alla lettera che l’INAIL invia, anno per anno. Avviene tra il mese di novembre/dicembre, per la comunicazione dell’importo dell’erogazione integrativa e i limiti di reddito stabiliti.

    Reversibilità INAIL

    La rendita Inail agli eredi superstiti consiste nella liquidazione in loro favore di quanto eventualmente maturato dal loro congiunto prima di venire a mancare. Si tratta dunque di una pensione INAIL ai superstiti.

    Gli eredi superstiti hanno anche il diritto alla prestazione aggiuntiva del Fondo Vittime Amianto, e in più ai cosiddetti i benefici contributivi. La pensione di reversibilità INPS che è pari al 60%, deve essere infatti essere rivalutata con il coefficiente 1,5. In questo modo i contributi per il periodo di esposizione ad amianto hanno un valore aggiuntivo del 50% e la rendita è rivalutata del 50% per effetto della contribuzione amianto.

    Requisti per la rendita di reversibilità

    Nel caso di decesso del lavoratore assicurato, ed eventualmente già titolare di rendita diretta la reversibilità INAIL è reversibile ai superstiti. Essa si somma alla pensione di reversibilità dell’INPS e ne hanno diritto  il coniuge (fino alla morte o a un matrimonio) ed eventualmente i figli o, in mancanza, i genitori o i fratelli e le sorelle della vittima. La rendita di reversibilità erogata al coniuge è calcolata sulla base della retribuzione massima convenzionale del settore industria, nella misura del 50%.

    In favore degli orfani è erogata fino all’età di 18 anni, senza ulteriori requisiti. Se studenti è dovuta fino all’età di 21 anni per quelli di media superiore o professionale e fino a 26 anni se studenti universitari. Va precisato che questo diritto spetta per quei figli orfani che al momento del decesso fossero conviventi con il genitore che siano privi di lavoro retribuito.

    Questa prestazione INAIL è pari al 20% per ciascun figlio (l’entità complessiva delle prestazioni non può superare il 100% di quanto sarebbe spettato al lavoratore defunto, calcolando anche il 50% che spetta al coniuge). Nel caso di orfani di entrambi i genitori, e quindi di assenza della rendita di reversibilità in favore del coniuge, a ciascun figlio spetta il 40%.

    In mancanza di coniuge o figli naturali o adottivi il diritto ai genitori o fratelli e sorelle della vittima è nella misura del 20%. La rendita di reversibilità INAIL non è soggetta a tassazione Irpef.

    Iter amministrativo per la reversibilità INAIL

    Si distingue il riconosciuto in vita da chi non lo fosse stato. Nel primo caso, l’INAIL può comunicare con termine perentorio ai fini di ottenere la domanda di pensione di reversibilità INAIL. Nel secondo caso, occorre, invece, procedere direttamente, ab origine.

    Gli aventi diritto devono presentare la domanda INAIL di accredito della rendita di reversibilità presso la sede competente. Si deve tener conto del domicilio del lavoratore deceduto.

    È preferibile che la domanda sia inoltrata per PEC, o in alternativa con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno.

    L’assegno funerario

    L’assegno funerario è una prestazione erogata una tantum, per le spese sostenute per il funerale del lavoratore deceduto per malattia professionale.

    Questo diritto spetta al coniuge, unito anche civilmente, e in mancanza ai figli, oppure in mancanza ai ascendenti.

    L’importo è liquidato a chi dimostri di aver sostenuto spese per la morte del lavoratore vittima di infortunio o malattia professionale, ed è rivalutato, annualmente. Con gli ultimi provvedimenti questo importo è stato elevato ad €10.050,00.

    La modalità di richiesta dell’assegno funerario

    Il superstite deve presentare la domanda alla sede INAIL competente, in base al domicilio del lavoratore deceduto, sia allo sportello che con raccomandata con ricevuta di ritorno o per PEC (Posta Elettronica Certificata).

    In caso di difficoltà, ci si può rivolgere allo studio legale dell’Avv. Ezio Bonanni, il quale ha istituito uno specifico sportello di assistenza online. In questo modo, tutti i cittadini potranno ottenere un parere legale scritto, con il quale potersi orientare.

    Assistenza legale gratuita

    L’ONA – Osservatorio Nazionale Amianto assiste le vittime dell’esposizione all’amianto grazie all’assistenza legale gratuita offerta da un team di avvocati con decennale esperienza nell’ambito. In particolare, il Presidente dell’ONA, Avv. Ezio Bonanni, è pioniere in Italia della lotta all’amianto e della prevenzione primaria, secondaria e terziaria. In ambito di prevenzione terziaria si occupa dei diritti  risarcitori a favore di tutte le vittime.

    Attraverso l’assistenza legale dell’ONA e dell’Avv. Ezio Bonanni è possibile ottenere:

    • indennizzo INAIL per inabilità permanente o, nel caso di un grado invalidante dal 6% al 15%, l’indennizzo del danno biologico una tantum;
    • rendita diretta INAIL, nel caso di un danno biologico dal 16 al 100%;
    • assegno mensile INAIL per assistenza personale continuativa, prestazione economica riconosciuta ai titolari di rendita con particolari condizioni di menomazione;assegno continuativo mensile a favore degli eredi della vittima deceduta;
    • accesso al Fondo Vittime Amianto e i relativi benefici contributivi (anche per gli eredi superstiti della vittima deceduta)
    • erogazione integrativa di fine anno a favore dei grandi invalidi;
    • rendita di resversibilità a favore dei superstiti;
    • risarcimento dei danni differenziali ovvero della differenza tra il danno biologico e gli altri danni non patrimoniali, anche per i superstiti;
    • risarcimento dei danni iure proprio a favore dei superstiti;
    • assegno funerario in caso di decesso a favore del coniuge o in assenza dei figli;
    • speciale assegno continuativo mensile a favore dei superstiti.

    Per ottenere l’assistenza medica e legale gratuita dell’ONA basta chiamare il numero verde 800 034 294.

    L’app per segnalare l’amianto

    La app amianto è un’applicazione gratuita creata da ONA – Osservatorio Nazionale Amianto nell’ambito della lotta al rischio asbesto in Italia. Scaricabile qui, permette di segnalare la presenza di amianto nei luoghi di lavoro e di vita. In questo modo è possibile migliorare l’efficacia della prevenzione primaria conoscendo l’esatta ubicazione dei luoghi ancora contaminati. Permette inoltre di raggiungere la prova di esposizione delle vittime, ai fini della loro tutela legale e del riconoscimento di malattia professionale e rendita INAIL.