Amianto: assistenza psicologica on-line per lavoratori esposti

L’asbesto è detto anche amianto, e provoca danni alla salute. Infatti, come più volte ribadito dall’avv. Ezio Bonanni è proprio la capacità infiammatoria delle fibre, che è alla base dei tumori amianto. Quindi, la particolarità dell’azione delle fibre che provocano prima infiammazione e poi cancro, anche dopo 30 o 40 e perfino 50 anni dall’esposizione, crea una condizione di attesa della malattia.

In più le malattie asbesto correlate sono ingravescenti. Quindi, dalla fase infiammatoria, delle placche e degli ispessimenti pleurici e della stessa asbestosi, vi è un’evoluzione nelle neoplasie che hanno elevata aggressività. Infatti, le fibre di asbesto provocano anche il mesotelioma, il tumore del polmone, della laringe e delle ovaie.

In più, anche altre patologie tumorali sono comunque ricondotte all’esposizione ad amianto. Infatti, anche il tumore della faringe, dello stomaco, del colon retto e dell‘esofago, sono associati all’esposizione ad amianto.

Assistenza online gratis trauma psicologico amianto

Coloro che sono stati esposti alla fibra killer hanno serie probabilità di aver subito danni biologici. Per questi motivi debbono essere sottoposti a continui controlli sanitari. In molti casi, manifestano delle malattie fibrotiche come l’iniziale asbestosi, oppure le placche e gli ispessimenti pleurici. Questi ultimi generalmente lavoratori esposti per lunghi periodi, hanno un più alto rischio di ammalrsi di malattie asbesto correlate. Cioè che la loro infiammazione evolva in tumore amianto. Tra questi ultimi, in particolare il mesotelioma, tra cui quello della pleura (mesotelioma pleurico).

Sussiste quindi un vero e proprio trauma, che è più grave e rilevante nel caso sussistano gli ispessimenti e le placche pleuriche. Vi è quindi una condizione di ansia e di depressione, in queste vittime dell’amianto. Le fibre sono già in loro e vi rimarranno tutta la vita, provocando danni alla salute.

L’ONA offre assistenza psicologica gratuita per i lavoratori e cittadini esposti e malati di malattie da amianto e da altri cancerogeni e allo stesso modo tutela anche i loro famigliari.

Indice dei contenuti

Tempo stimato di lettura: 6 minuti

 

Amianto: assistenza psicologica online ONA

In ogni caso, è possibile ottenere un aiuto psicologico on line gratis e assistenza psicologica gratuita on-line con lo Sportello Amianto e in alternativa presso le nostre sedi territoriali. Contatta l’ONA attraverso il form sottostante per una prima consulenza medica gratuita.

Assistenza psicologica online vittime amianto

Chiama il numero verde, contattaci su Whatsapp o compila il form per ricevere assistenza gratuita. Amianto Amianto whatsapp

     

    Assistenza online gratis: sportello di assistenza psicologica ONA

    Proprio in relazione all’altra lesività delle fibre di amianto, l’ONA e l’avv. Ezio Bonanni, hanno insistito ed insistono sulla prevenzione primaria. Cioè, evitare le forme di esposizione ad amianto e ad altri cancerogeni. Il concetto di prevenzione supera però quella di esclusiva pertinenza ambientale. La prevenzione primaria si applica anche per quanto riguarda le lesioni psichiche e psicologiche.
    Il benessere e la salute, non possono prescindere dalla sfera psichica dell’essere umano. Per tali motivi, l’ONA ha sviluppato il concetto di prevenzione del danno psichico.
    Inoltre, grazie all’impegno del Prof. Francesco Pesce, si è affermato il principio di tutela della salute, tenendo conto dell’aspetto psicologico e quindi con il relativo sostegno. Questa assistenza è fornita anche a coloro che purtroppo hanno ricevuto la diagnosi di malattie amianto tra i quali i tumori amianto e i loro familiari. 
    Quindi, l‘ONA assiste le vittime dell’amianto e di altri cancerogeni. Con il numero verde gratuito tutte le vittime dell’asbesto e i loro famigliari possono ottenere aiuto psicologico e assistenza tecnica, medica e legale gratuita. Inoltre possono ottenere assistenza psicologica online gratis, grazie alla collaborazione del Prof. Francesco Pesce in quanto componente del Comitato Tecnico Scientifico ONA.

    Amianto: assistenza psicologica ONA

    Il Dipartimento di Assistenza Psicologica ONA, istituito dall’Avv. Ezio Bonanni, presidente ONA, offre per di più supporto psicologico gratuito a Roma. Inoltre, il dipartimento si avvale della collaborazione del Prof. Pesce al fine di offrire un servizio di assistenza della massima qualità.

    Oltre al Prof. Francesco Pesce, l’ONA per offrire sostegno psicologico gratuito a Roma, si avvale di ulteriori medici psicologi volontari per garantire così alle vittime dell’asbesto e ai loro famigliari un’assistenza psicologica on-line gratuita.

    Considerando l’importanza del ruolo che la psicologia clinica in ambito oncologico, l’ONA ha istituito l’assistenza online per le vittime di patologie asbesto correlate

    Queste ultime, anche in base al tipo di diagnosi, si pensi al mesotelioma pleurico che si sostanzia in aspettativa di vita di pochi mesi, in assenza di adeguata cura, hanno diversi disturbi. In particolare, anche coloro che sono stati solo esposti, manifestano ansia, depressione, disturbi somatici e una certa tendenza al ritiro sociale.

    In questi casi, occorre un approccio multidisciplinare, non solo clinico e medico legale (per ottenere l’indennizzo e il risarcimento), ma anche psicologico. Per queste ragioni l’ONA e l’avv. Ezio Bonanni hanno istituito lo sportello online di assistenza psicologica.

    Questo servizio si somma a quello clinico e medico legale.

    Assistenza psicologica familiari esposti e vittime amianto

    Inoltre, questo tipo di assistenza è fornita sempre in mdoo gratuito anche ai familiari. Questi ultimi, al pari dei lavoratori, sono stati anche loro esposti alle fibre. Si pensi agli abiti da lavoro contaminati, che per molti anni sono stati lavati in casa. Quindi sussiste anche per i familiari un concreto rischio di ammalarsi.

    Nel VI Rapporto ReNaM, che riporta i casi di mesotelioma, si fa specifico riferimento anche ai molti casi che riguardano i familiari. Infatti le fibre provocano danno anche a bassa dose. In più questi stessi familiari debbono assistere i loro congiunti, in condizioni che spesso provocano il successivo decesso.

    Vi  è quindi tutta la problematica del doppio trauma. Il primo, quello di essere informati della diagnosi e della prognosi del congiunto e del rischio diretto. Successivamente, l’odissea e la sofferenza fino alla morte del congiunto e quindi la necessità di elaborare la sofferenza e il lutto. 

    La rilevazione del Prof. Francesco Pesce ha portato l’ONA ad istituire questo servizio anche per i familiari. In questo modo, anche i componenti della famiglia, il coniuge, figli ed altri familiari possono elaborare la sofferenza. Inoltre, sia la vittima diretta che i componenti della famiglia manifestano quel senso di impotenza e rabbia che deve essere trattato. Nel senso che, è lo psicologo oltre che l’avvocato, ognuno nei rispettivi ambiti, a non trascurare questi aspetti. 

    Infatti, costituiscono dei sintomi ovvero, una condizione di sofferenza che deve essere trattata non solo farmacologicamente. Anzi, secondo le teorie dell’avv. Ezio Bonanni, deve essere oggetto di adeguata prevenzione. 

    In più, se resa obiettiva in termini probatori, queste sofferenze di natura anche morale, contribuiscono alla quantificazione del danno sia della vittima diretta che dei familiari. Infatti dal punto di vista risarcitorio, oltre all’indennizzo, è dovuto anche il ristoro di tutti i danni. Il pregiudizio non patrimoniale è integrato anche dalla sofferenza fisica e morale della vittima. 

    Quindi il servizio di assistenza ONA è molto importante per coloro che sono stati vittima di questo cancerogeno. 

    poi in quanto favorisce in precedenza l’elaborazione della sofferenza, del senso di impotenza e successivamente della rabbia per la diagnosi di malattia oncologica e per la radicale modificazione dei programmi e progetti di vita, con la necessità di dover prendersi cura in modo continuativo di un proprio caro cui è stata posta una diagnosi infausta. Successivamente puoi richiedere la tua consulta psicologica online gratis.

    Amianto: la paura di ammalarsi dei lavoratori esposti

    L’assistenza psicologica gratis on-line, nel complesso, è un servizio di supporto psicologico gratuito a Roma. Difatti l’azione del dipartimento permette di dare nome e significato alla paura connessa all’esposizione ad amianto: un killer silenzioso e invisibile, che rischia altrimenti di restare impensabile e impensato.

    I lavoratori esposti ad asbesto durante l’attività professionale, ugualmente anche i cittadini che hanno vissuto nei pressi di stabilimenti in cui è stato utilizzato amianto, soffrono per via della paura di poter contrarre una patologia asbesto correlata, potenzialmente mortale (patologia psicologica).

    Per approfondire:

     

    Amianto e problemi di depressione e sofferenza

    Il Dipartimento di assistenza psicologica gratis on-line ONA offre quindi servizio di sostegno psicologico gratuito a Roma in modo da provvedere anche a raccogliere studi, pubblicazioni e dati sulle patologie di pertinenza, causate o concausate dall’esposizione ad asbesto e ad altre sostanze tossiche e cancerogene.

    Ricapitolando, le vittime di malattie da amianto, nel 75% dei casi, soffrono di depressione, deflessione del tono dell’umore e spunti fobici. Per questa ragione, la condizione psicologica provata, sussiste anche tra coloro che sono semplicemente stati esposti e che ancora non presentano uno stato di malattia e che quindi vivono nell’attesa dell’insorgenza della malattia amianto.

    Il sistema immunitario è influenzato dalla condizione psicologica

    Il Dipartimento di assistenza psicologica gratis on-line che offre aiuto psicologico grazie al supporto dell’Avv. Ezio Bonanni, ha dimostrato che le capacità del sistema immunitario contro l’asbesto sono influenzate direttamente e fortemente dallo stato e dalla condizione psicologica della vittima, rendendo quindi fondamentale un adeguato supporto psicologico.

    La condizione psicologica dei malati di patologie asbesto correlate (in particolare mesotelioma), e quindi la volontà di sopravvivere e di lottare contro l’amianto, influisce sul sistema immunitario e quindi sulle chance di guarigione e di sopravvivenza.

    È dimostrato che nel complesso anche chi ha già contratto la patologia (anche patologia psicologica), se assistito psicologicamente, dimostra un più elevato periodo di sopravvivenza e a migliori condizioni, oltre che ad un migliore stato di benessere psicofisico, che favorisce quindi l’organismo nell’evitare l’insorgenza dei tumori d’amianto.

    Lo staff del Dipartimento Assistenza Psicologica

    Il Dipartimento di assistenza psicologica offre aiuto psicologico online gratuito in quanto è affidato alla direzione e al coordinamento del Prof. Francesco Pesce, psicoterapeuta revisore che, come tale, ha costituito una equipe composta dalla Dott.ssa Maria Cristina Pesce, psicoterapeuta, Dott.ssa Anna Luisa Pesce, psicografologa figlie del Professor Pesce, Dott.ssa Carlotta Vitiello, psicologa, e della Dott.ssa Sabrina Melpignano, psicologa psicoterapeuta e del Dott. Alessandro Ruta, psicologo psicoterapeuta.

    • Richiedi la tua consulenza psicologica gratuita online.

    Contatti del Dipartimento di assistenza psicologica gratis on-line ONA

    Per ricevere aiuto psicologico on line gratis è quindi possibile contattare il Dipartimento di assistenza psicologica gratuita on-line ONA allo Sportello Amianto Online, al numero verde 800 034 294 o direttamente i medici volontari per psicologia gratuita on line:

    Prof. Francesco Pesce

    Professor Pesce, Psicoterapeuta revisore
    francesco.pesce14@tin.it
    338-7218308

    Dott. Carlotta Vitiello

    Psicologa online gratuita – Coordinatore Sportello Amianto ONA Onlus Regione Abruzzo
    mariacarlottavitiello@yahoo.it334-3866528

    Dott. Maria Cristina Pesce

    Psicoterapeuta, psicologa online gratis e coordinatore Sportello Amianto ONA Onlus Regione Campania
    pescemariacristina27@yhaoo.it
    392-2415909

    Dott. Sabrina Melpignano

    Psicologa psicoterapeuta (psicologia gratuita on line)
    sabrinamelpignano@libero.it
    333-6541889

    Dott. Anna Luisa Pesce

    Psicografologa, psicologa online gratis – Coordinatore Sportello Amianto ONA Onlus Regione Toscana
    aluisapesce@outlook.it
    338-8521893

    Dott. Alessandro Ruta

    Psicologa online gratuita e psicoterapeuta
    dott_a_ruta@yahoo.it
    392-1737595

    Amianto: pubblicazioni ONA

    Ad ogni modo, il Dott. Alessandro Ruta, nella sua pubblicazione “Danni psicologici secondari ad esposizione all’asbesto”, ha affrontato con casi concreti e con ricerche sul campo queste tematiche. Inoltre, dott. Aruta ha portato alla luce dettagli dei danni ricevuti, sul piano psicologico e sul piano della qualità della vita, dall’esposizione ad amianto in ambiti sia lavorativi sia extralavorativi, fornendo le linee per gli interventi di sostegno psicologico e per gli interventi di ristoro del danno subito.

    Al fine di approfondire al meglio, suggeriamo di consultare la pubblicazione “Danni psicologici secondari ad esposizione all’asbesto” a firma del Dott. Alessandro Ruta.

    Le patologie dovute alle polvere di amianto

    L’aerodispersione e l’inalazione di polveri di asbesto può causare una serie di patologie. Fra tutte le patologie asbesto correlate la più grave è comunque il mesotelioma. Ovvero una neoplasia rara con una latenza lunghissima (anche 20-40 anni), con prognosi infausta: difatti ricevere una diagnosi di mesotelioma è come ricevere una condanna a morte.

    In conclusione, l’esposizione amianto è un’esperienza difficile e straziante non solo per la persona colpita. Essa, allo stesso modo, diventa un peso anche per i familiari della vittima. Quindi, per lo stesso motivo l’esposizione diventa  un incubo per le persone che hanno semplicemente vissuto nei pressi degli stabilimenti in cui è stato utilizzato asbesto. Infine, la situazione diventa insostenibile anche per coloro che si trovano a vivere in una situazione di estremo disagio a causa del pensiero angoscioso del pericolo che grava sulle loro vite.

    Proprio in relazione all’altra lesività delle fibre di amianto, l’ONA e l’avv. Ezio Bonanni, hanno insistito ed insistono sulla prevenzione primaria. Cioè, evitare le forme di esposizione ad amianto e ad altri cancerogeni. Il concetto di prevenzione supera però quella di esclusiva pertinenza ambientale. La prevenzione primaria si applica anche per quanto riguarda le lesioni psichiche e psicologiche.
    Il benessere e la salute, non possono prescindere dalla sfera psichica dell’essere umano. Per tali motivi, l’ONA ha sviluppato il concetto di prevenzione del danno psichico.
    Inoltre, grazie all’impegno del Prof. Francesco Pesce, si è affermato il principio di tutela della salute, tenendo conto dell’aspetto psicologico e quindi con il relativo sostegno. Questa assistenza è fornita anche a coloro che purtroppo hanno ricevuto la diagnosi di malattie amianto tra i quali i tumori amianto e i loro familiari. 
    Quindi, l‘ONA assiste le vittime dell’amianto e di altri cancerogeni. Con il numero verde gratuito tutte le vittime dell’asbesto e i loro famigliari possono ottenere aiuto psicologico e assistenza tecnica, medica e legale gratuita. Inoltre possono ottenere assistenza psicologica online gratis, grazie alla collaborazione del Prof. Francesco Pesce in quanto componente del Comitato Tecnico Scientifico ONA.

    Amianto: assistenza psicologica ONA

    Il Dipartimento di Assistenza Psicologica ONA, istituito dall’Avv. Ezio Bonanni, presidente ONA, offre per di più supporto psicologico gratuito a Roma. Inoltre, il dipartimento si avvale della collaborazione del Prof. Pesce al fine di offrire un servizio di assistenza della massima qualità.

    Oltre al Prof. Francesco Pesce, l’ONA per offrire sostegno psicologico gratuito a Roma, si avvale di ulteriori medici psicologi volontari per garantire così alle vittime dell’asbesto e ai loro famigliari un’assistenza psicologica on-line gratuita.

    Considerando l’importanza del ruolo che la psicologia clinica in ambito oncologico, l’ONA ha istituito l’assistenza online per le vittime di patologie asbesto correlate

    Queste ultime, anche in base al tipo di diagnosi, si pensi al mesotelioma pleurico che si sostanzia in aspettativa di vita di pochi mesi, in assenza di adeguata cura, hanno diversi disturbi. In particolare, anche coloro che sono stati solo esposti, manifestano ansia, depressione, disturbi somatici e una certa tendenza al ritiro sociale.

    In questi casi, occorre un approccio multidisciplinare, non solo clinico e medico legale (per ottenere l’indennizzo e il risarcimento), ma anche psicologico. Per queste ragioni l’ONA e l’avv. Ezio Bonanni hanno istituito lo sportello online di assistenza psicologica.

    Questo servizio si somma a quello clinico e medico legale.

    Assistenza psicologica familiari esposti e vittime amianto

    Inoltre, questo tipo di assistenza è fornita sempre in mdoo gratuito anche ai familiari. Questi ultimi, al pari dei lavoratori, sono stati anche loro esposti alle fibre. Si pensi agli abiti da lavoro contaminati, che per molti anni sono stati lavati in casa. Quindi sussiste anche per i familiari un concreto rischio di ammalarsi.

    Nel VI Rapporto ReNaM, che riporta i casi di mesotelioma, si fa specifico riferimento anche ai molti casi che riguardano i familiari. Infatti le fibre provocano danno anche a bassa dose. In più questi stessi familiari debbono assistere i loro congiunti, in condizioni che spesso provocano il successivo decesso.

    Vi  è quindi tutta la problematica del doppio trauma. Il primo, quello di essere informati della diagnosi e della prognosi del congiunto e del rischio diretto. Successivamente, l’odissea e la sofferenza fino alla morte del congiunto e quindi la necessità di elaborare la sofferenza e il lutto. 

    La rilevazione del Prof. Francesco Pesce ha portato l’ONA ad istituire questo servizio anche per i familiari. In questo modo, anche i componenti della famiglia, il coniuge, figli ed altri familiari possono elaborare la sofferenza. Inoltre, sia la vittima diretta che i componenti della famiglia manifestano quel senso di impotenza e rabbia che deve essere trattato. Nel senso che, è lo psicologo oltre che l’avvocato, ognuno nei rispettivi ambiti, a non trascurare questi aspetti. 

    Infatti, costituiscono dei sintomi ovvero, una condizione di sofferenza che deve essere trattata non solo farmacologicamente. Anzi, secondo le teorie dell’avv. Ezio Bonanni, deve essere oggetto di adeguata prevenzione. 

    In più, se resa obiettiva in termini probatori, queste sofferenze di natura anche morale, contribuiscono alla quantificazione del danno sia della vittima diretta che dei familiari. Infatti dal punto di vista risarcitorio, oltre all’indennizzo, è dovuto anche il ristoro di tutti i danni. Il pregiudizio non patrimoniale è integrato anche dalla sofferenza fisica e morale della vittima. 

    Quindi il servizio di assistenza ONA è molto importante per coloro che sono stati vittima di questo cancerogeno. 

    poi in quanto favorisce in precedenza l’elaborazione della sofferenza, del senso di impotenza e successivamente della rabbia per la diagnosi di malattia oncologica e per la radicale modificazione dei programmi e progetti di vita, con la necessità di dover prendersi cura in modo continuativo di un proprio caro cui è stata posta una diagnosi infausta. Successivamente puoi richiedere la tua consulta psicologica online gratis.

    Amianto: la paura di ammalarsi dei lavoratori esposti

    L’assistenza psicologica gratis on-line, nel complesso, è un servizio di supporto psicologico gratuito a Roma. Difatti l’azione del dipartimento permette di dare nome e significato alla paura connessa all’esposizione ad amianto: un killer silenzioso e invisibile, che rischia altrimenti di restare impensabile e impensato.

    I lavoratori esposti ad asbesto durante l’attività professionale, ugualmente anche i cittadini che hanno vissuto nei pressi di stabilimenti in cui è stato utilizzato amianto, soffrono per via della paura di poter contrarre una patologia asbesto correlata, potenzialmente mortale (patologia psicologica).

    Per approfondire:

     

    Amianto e problemi di depressione e sofferenza

    Il Dipartimento di assistenza psicologica gratis on-line ONA offre quindi servizio di sostegno psicologico gratuito a Roma in modo da provvedere anche a raccogliere studi, pubblicazioni e dati sulle patologie di pertinenza, causate o concausate dall’esposizione ad asbesto e ad altre sostanze tossiche e cancerogene.

    Ricapitolando, le vittime di malattie da amianto, nel 75% dei casi, soffrono di depressione, deflessione del tono dell’umore e spunti fobici. Per questa ragione, la condizione psicologica provata, sussiste anche tra coloro che sono semplicemente stati esposti e che ancora non presentano uno stato di malattia e che quindi vivono nell’attesa dell’insorgenza della malattia amianto.

    Il sistema immunitario è influenzato dalla condizione psicologica

    Il Dipartimento di assistenza psicologica gratis on-line che offre aiuto psicologico grazie al supporto dell’Avv. Ezio Bonanni, ha dimostrato che le capacità del sistema immunitario contro l’asbesto sono influenzate direttamente e fortemente dallo stato e dalla condizione psicologica della vittima, rendendo quindi fondamentale un adeguato supporto psicologico.

    La condizione psicologica dei malati di patologie asbesto correlate (in particolare mesotelioma), e quindi la volontà di sopravvivere e di lottare contro l’amianto, influisce sul sistema immunitario e quindi sulle chance di guarigione e di sopravvivenza.

    È dimostrato che nel complesso anche chi ha già contratto la patologia (anche patologia psicologica), se assistito psicologicamente, dimostra un più elevato periodo di sopravvivenza e a migliori condizioni, oltre che ad un migliore stato di benessere psicofisico, che favorisce quindi l’organismo nell’evitare l’insorgenza dei tumori d’amianto.

    Lo staff del Dipartimento Assistenza Psicologica

    Il Dipartimento di assistenza psicologica offre aiuto psicologico online gratuito in quanto è affidato alla direzione e al coordinamento del Prof. Francesco Pesce, psicoterapeuta revisore che, come tale, ha costituito una equipe composta dalla Dott.ssa Maria Cristina Pesce, psicoterapeuta, Dott.ssa Anna Luisa Pesce, psicografologa figlie del Professor Pesce, Dott.ssa Carlotta Vitiello, psicologa, e della Dott.ssa Sabrina Melpignano, psicologa psicoterapeuta e del Dott. Alessandro Ruta, psicologo psicoterapeuta.

    • Richiedi la tua consulenza psicologica gratuita online.

    Contatti del Dipartimento di assistenza psicologica gratis on-line ONA

    Per ricevere aiuto psicologico on line gratis è quindi possibile contattare il Dipartimento di assistenza psicologica gratuita on-line ONA allo Sportello Amianto Online, al numero verde 800 034 294 o direttamente i medici volontari per psicologia gratuita on line:

    Prof. Francesco Pesce

    Professor Pesce, Psicoterapeuta revisore
    francesco.pesce14@tin.it
    338-7218308

    Dott. Carlotta Vitiello

    Psicologa online gratuita – Coordinatore Sportello Amianto ONA Onlus Regione Abruzzo
    mariacarlottavitiello@yahoo.it334-3866528

    Dott. Maria Cristina Pesce

    Psicoterapeuta, psicologa online gratis e coordinatore Sportello Amianto ONA Onlus Regione Campania
    pescemariacristina27@yhaoo.it
    392-2415909

    Dott. Sabrina Melpignano

    Psicologa psicoterapeuta (psicologia gratuita on line)
    sabrinamelpignano@libero.it
    333-6541889

    Dott. Anna Luisa Pesce

    Psicografologa, psicologa online gratis – Coordinatore Sportello Amianto ONA Onlus Regione Toscana
    aluisapesce@outlook.it
    338-8521893

    Dott. Alessandro Ruta

    Psicologa online gratuita e psicoterapeuta
    dott_a_ruta@yahoo.it
    392-1737595

    Amianto: pubblicazioni ONA

    Ad ogni modo, il Dott. Alessandro Ruta, nella sua pubblicazione “Danni psicologici secondari ad esposizione all’asbesto”, ha affrontato con casi concreti e con ricerche sul campo queste tematiche. Inoltre, dott. Aruta ha portato alla luce dettagli dei danni ricevuti, sul piano psicologico e sul piano della qualità della vita, dall’esposizione ad amianto in ambiti sia lavorativi sia extralavorativi, fornendo le linee per gli interventi di sostegno psicologico e per gli interventi di ristoro del danno subito.

    Al fine di approfondire al meglio, suggeriamo di consultare la pubblicazione “Danni psicologici secondari ad esposizione all’asbesto” a firma del Dott. Alessandro Ruta.

    Le patologie dovute alle polvere di amianto

    L’aerodispersione e l’inalazione di polveri di asbesto può causare una serie di patologie. Fra tutte le patologie asbesto correlate la più grave è comunque il mesotelioma. Ovvero una neoplasia rara con una latenza lunghissima (anche 20-40 anni), con prognosi infausta: difatti ricevere una diagnosi di mesotelioma è come ricevere una condanna a morte.

    In conclusione, l’esposizione amianto è un’esperienza difficile e straziante non solo per la persona colpita. Essa, allo stesso modo, diventa un peso anche per i familiari della vittima. Quindi, per lo stesso motivo l’esposizione diventa  un incubo per le persone che hanno semplicemente vissuto nei pressi degli stabilimenti in cui è stato utilizzato asbesto. Infine, la situazione diventa insostenibile anche per coloro che si trovano a vivere in una situazione di estremo disagio a causa del pensiero angoscioso del pericolo che grava sulle loro vite.