Taxolo Paclitaxel: farmaco per la cura del tumore al polmone

Taxolo Paclitaxel è un farmaco per la cura del tumore al polmone. Viene somministrato ai pazienti durante la chemioterapia. Questo approccio terapeutico è altamente usato per i pazienti di cancro al polmone. La chemioterapia Taxolo trova impiego nel trattamento del carcinoma polmonare sia non a piccole cellule (adenocarcinoma) sia a piccole cellule (microcitoma).

Il tumore al polmone è una delle prime cause di morte negli Stati industrializzati. Ciò è confermato anche da IARC in “Asbestos – chrysotile, amosite, crocidolite, tremolite, actinolite and anthophyllite“. Anche in Italia il tumore del polmone è la prima causa di morte per tumore negli uomini e la terza nelle donne, con quasi 34.000 morti in un anno.

Il principale fattore a determinarne l’insorgenza è il fumo di sigaretta. Ma ci sono altri agenti cancerogeni, che possono agire in sinergia e ampliare l’effetto complessivo. Principali fattori di rischio sono l’inquinamento ambientale, la presenza di questa malattia in altri componenti della famiglia e, soprattutto, l’esposizione ad asbesto. Infatti, ogni anno, circa 70.000 decessi sono causati dal tumore polmonare, dovuto esclusivamente alle polveri e fibre di amianto.

L’ONA – Osservatorio Nazionale Amianto e il suo presidente, l’Avv. Ezio Bonanni, tutelano le vittime di tumore al polmone e delle altre malattie asbesto correlate, come il mesotelioma. Si può richiedere assistenza medica e legale. Vengono inoltre salvaguardati i diritti di vittime del dovere e di malasanità.

 

Indice dei contenuti

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

 

Taxolo Paclitaxel: chemioterapia tumore polmone

Taxolo è un farmaco chemioterapico che agisce inibendo i microtubuli all’interno delle cellule tumorali. Grazie a questa sua azione compromette le capacità di crescita della cellula. Esso può essere somministrato sia in monoterapia sia in associazione al Carboplatino.

Altri farmaci antitumorali sono Alectinib, Atezolizumab, Brigatinib, Ceritinib, Cisplatino, Crizotinib, Dabrafenib, Durvalumab, Etoposide, Gemcitabina, Gefitinib, Erlotinib, Afatinib, Osimertinib, Nintedanib, Nivolumab, Pembrolizumab, Pemetrexed, Taxotere, Trametinib, Vinorelbina.

Taxolo Paclitaxel viene assunto in vena. Generalmente la schedula di somministrazione prevede un giorno ogni 3 settimane. Tuttavia si può effettuare anche un dosaggio una volta alla settimana. La dose che il paziente deve assumere viene scelta dal medico sulla base delle condizioni generali della vittima e delle eventuali comorbidità.

Non ci sono differenze significative tra le due modalità di somministrazione in termini di efficacia. Tuttavia il dosaggio ha effetto sulla tollerabilità del paziente. Infatti la somministrazione di Taxolo settimanale è associata a meno Taxolo effetti collaterali rispetto a quella trisettimanale.

Nel caso, durante la somministrazione, il paziente dovesse avvertire dolore nell’area intorno al sito di puntura o intorno alla vena, bisogna informare subito l’oncologo. Così potrà essere rallentata l’infusione e ridurre il fastidio.

Chemioterapia tumore al polmone: tipi e cicli di trattamento

La somministrazione dei farmaci chemioterapici avviene per cicli. Un ciclo di trattamento si compone di giorni in cui al paziente viene somministrato il farmaco e di un periodo di riposo seguente. L’intervallo tra due cicli di chemioterapia per tumore al polmone e non solo permette al corpo di riprendersi dagli effetti collaterali. Inoltre il paziente effettua gli esami del sangue per valutare la tossicità della terapia sui globuli bianchi, i globuli rossi e le piastrine.

Il motivo per cui la chemioterapia viene eseguita in più cicli è che non tutte le cellule tumorali si replicano nello stesso momento. I farmaci chemioterapici colpiscono le cellule mentre si dividono, ma ci sono sempre delle cellule in fase quiescente, che non vengono quindi colpite durante il primo trattamento. Perciò è importante ripeterlo. La durata della chemioterapia è variabile, ma generalmente dura da 3 a 6 mesi, con la somministrazione da 3-4 a 6-8 cicli chemioterapia tumore al polmone.

La chemioterapia al polmone si divide in varie tipologie, a seconda degli obiettivi perseguiti:

  • neoadiuvante, che viene effettuata prima di un intervento chirurgico, con lo scopo di ridurre il volume della massa tumorale;
  • adiuvante, la quale viene attuata dopo l’operazione chirurgica per ridurre il rischio di recidiva, eliminando le eventuali cellule tumorali che si sono diffuse in altre zone del corpo;
  • esclusiva, ovvero quando la chemioterapia è l’unica terapia a cui è sottoposto il paziente;
  • palliativa, che viene utilizzata per contenere o ritardare la crescita del tumore e prolungare la sopravvivenza del paziente.

 

Assistenza medica e tutela legale

Chiama il numero verde, contattaci su Whatsapp o compila il form per ricevere assistenza gratuita. Taxolo Taxolo

    Taxolo: effetti collaterali chemioterapia tumore polmone

    Il paziente sottoposto a terapia con il Taxolo Paclitaxel può presentare degli effetti collaterali. Tra essi c’è la temporanea riduzione della funzionalità del midollo osseo. Il farmaco può perciò causare anemia, lividi o emorragie e infezioni. La ridotta funzionalità del midollo osseo si manifesta circa sette giorni dopo la somministrazione. I valori minimi vengono poi raggiunti in 10-14 giorni dopo Taxolo chemioterapia. Le cellule ematiche ricominciano a salire costantemente, normalizzandosi, entro 21 giorni.

    Altri effetti indesiderati sono la febbre oltre i 38°C, diarrea, dolore e ulcere del cavo orale, che compaiono solitamente entro i primi 7-8 giorni, e mal di denti. In più si manifestano dolori articolari o muscolari, rash cutaneo, simile all’acne, che può dare prurito, cefalea, difficoltà a concentrarsi e amnesie.

    Al paziente a causa di Taxolo capelli possono cadere, solitamente nelle 2-3 settimane dalla somministrazione della prima dose. Tuttavia si tratta di un fenomeno temporaneo. Inoltre, a volte la caduta dei capelli può essere preceduta da dolore al cuoio capelluto.

    Ulteriori controindicazioni del farmaco sono intorpidimento o formicolio delle estremità, reazione allergica, brividi, rossore al volto, vertigini, mancanza di respiro, ansia e minzione più frequente. In più si può soffrire di nausea e vomito, che possono manifestarsi nel giro di poche ore dopo il trattamento e durare anche per qualche giorno.

    Effetti indesiderati meno frequenti del Taxolo

    Esistono altri effetti indesiderati che un paziente può manifestare se sottoposto a Taxolo. Questi, però, sono meno frequenti. Vi sono l’abbassamento della pressione, la modificazioni della frequenza cardiaca, che risulta spesso rallentata, funzionalità epatica ridotta, dolore addominale e temporanea alterazione del gusto.

    Inoltre alcuni farmaci potrebbero interferire e causare delle controindicazioni se si è sottoposti alla chemioterapia con Taxolo.

    Infine il farmaco può avere effetti sulla capacità di concepimento della vittima. Tuttavia non è consigliabile iniziare una gravidanza o concepire un bambino se si sta effettuando il trattamento con il Paclitaxel, in quanto il farmaco potrebbe compromettere lo sviluppo fetale.

    Assistenza medica e legale per vittime del cancro al polmone

    L’ONA offre assistenza medica gratuita, per ottenere una diagnosi precoce e la sorveglianza sanitaria di chi è esposto ad amianto. Tutela anche tutte le vittime di malasanità, assicurando la responsabilità medica.

    Inoltre fornisce assistenza legale gratuita per tutelare i diritti delle vittime di malattie correlate all’amianto, come il tumore al polmone. Grazie ad un pool di avvocati, diretti dall’Avv. Ezio Bonanni, le vittime vengono guidate in tutte le fasi dell’iter legale, al fine di ottenere il risarcimento dei danni e il riconoscimento di tutti i benefici previsti dalla legge.