Assegno mensile di assistenza

Indice dei contenuti

Tempo stimato di lettura: 4 minuti

 

L’ONA fornisce il servizio di assistenza per chiedere l’assegno mensile di assistenza. L’assegno mensile invalidità civile è quella prestazione di natura economica per soggetti con riduzione parziale della capacità di lavoro (dal 74% al 99%). L’unica condizione è costituita dal reddito annuo inferiore alle soglie previste dalla legge.

Come ottenere l’assegno mensile di invalidità civile

L’ONA, e l’Avv. Ezio Bonanni assistono tutti coloro che debbono iniziare il percorso amministrativo per ottenere il riconoscimento dello stato di invalidità utile per la costituzione della prestazione assistenziale dell’assegno mensile di invalidità civile.

banner assistenza ona

L’ONA assiste tutti coloro che ne fanno richiesta.

Richiesta di parere scritto

Se intendi ricevere un parere scritto, puoi farne richiesta e riceverai il riscontro scritto in modo gratuito.

     

    L’assegno di assistenza degli invalidi dal 74 al 99% e bisogno economico

    L’assegno di assistenza agli invalidi civili parziali, richiede dei particolari presupposti e requisiti:

    • invalidità civile dal 74% al 99%, che sia riconosciuta;
    • età tra i 18 e i 66 anni e 7 mesi;
    • cittadinanza / residenza in Italia purche con il permesso di soggiorno superiore all’anno (Legge 40/98, Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1998);
    • reddito annuo della persona non superiore a € 4.926,35;
    • essere incollocati o incollocabili al lavoro (se non si è iscritti alle liste di collocamento bisogna disporre di un certificato di incollocabilità).

    Non è possibile l’erogazione dell’assegno mensile di assistenza invalidità civile:

    • se sono già erogate altre pensioni di invalidità (art. 9 della Legge 26 febbraio 1982, n. 54; art.1 della Legge 12. giugno 1984, n 222);
    • se è già erogata pensione di invalidità di guerra, lavoro e servizio (art. 3 della Legge 29 dicembre 1990, n. 407).
    • dopo i 65 anni (erogazione pensione sociale a carico del fondo di cui all’art. 26 della Legge 30 aprile 1969 n. 153).

    Per approfondire sulle normative in materia di assegno mensile di assistenza invalidità civile:

    Domanda di assegno mensile di assistenza per l’invalidità civile

    Gli invalidi civili, che hanno un’invalidità dal 74 al 99% e le condizioni reddituali (reddito inferiore a €4.926,35) hanno diritto ad ottenere l’assegno mensile di invalidità civile. L’avente diritto deve presentare la domanda all’INPS per ottenere il riconoscimento dei c.d. requisiti sanitari.

    La domanda va presentata telematicamente, con il portale INPS. Si avvia, così, il procedimento amministrativo di riconoscimento del diritto all’assegno mensile di assistenza per l’invalidità civile, ferma la necessità del reddito inferiore ad €4.926,35.

    Certificati i requisiti sanitari, in uno a quelli reddituali, l’INPS deve corrispondere all’avente diritto l’assegno mensile di assistenza per l’invalidità civile dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda, ovvero dalla data indicata dalle competenti commissioni sanitari.

    Importo assegno mensile di assistenza invalidità civile

    Per l’anno 2020, l’INPS eroga agli aventi diritto l’assegno mensile di assistenza invalidità civile pari ad €286,81 per 13 mensilità. La condizione è quella che il reddito annuo sia inferiore ad €4.926,35. Si tiene conto dei redditi dell’ultimo anno in corso. Per gli anni successivi si considerano tutti quanti gli altri redditi dell’anno solare. Ci può essere la c.d. maggiorazione sociale.

    Invalidità civile per danni da amianto

    Nel caso in cui ci sia una patologia asbesto correlata di natura fibrotica (asbestosi) piuttosto che neoplastica (mesotelioma pleurico, mesotelioma pericardico, mesotelioma peritoneale e mesotelioma della tunica vaginale del testicolo, tumore del polmone, ovvero altre neoplasie, in particolare quelle gastrointestinali), solitamente il danno biologico è pari al 100%.

    In quasi tutti i casi siamo di fronte a malattie di origine professionale, per i quali si può procedere con la domanda di indennizzo INAIL e in alcuni casi anche con la domanda di riconoscimento di causa di servizio, e vittima del dovere. Solo nel caso in cui ci sia una infermità dovuta ad esposizione ambientale a polveri e fibre di amianto con un grado invalidante dal 74 al 99%, in assenza di rapporto di lavoro subordinato, si potrà procedere con la domanda di assegno mensile di assistenza per invalidità civile.

    Invalidità civile per mesotelioma da esposizione ambientale

    Nel caso in cui ci sia un’esposizione ambientale ad amianto e l’insorgenza di mesotelioma, oltre all’assegno mensile di assistenza di invalidità civile, sussiste il diritto al Fondo Vittime Amianto. La prestazione può essere richiesta all’INAIL: